WALTER PONCHIA

Ogni bambino è un artista.
Il problema è come rimanere tale quando si cresce.

(Pablo Picasso)

Anni ’60: a Padova un bambino rimane incantato dalle vetrine dei negozi di macchine fotografiche. A scuola, con la sua macchinetta Comet, è lui il fotografo.

Anni ’70: il motore della sua connaturata irrequietudine porta il giovanissimo Walter Ponchia in giro per il mondo. A questo punto la passione infantile per la fotografia è già diventata il suo lavoro, il filo conduttore attorno al quale ha costruito la sua vita.

Intanto l’attrezzatura fotografica è cresciuta con lui, diventando il centro dei suoi investimenti anche a costo di rinunce in altri settori. Ma è possibile che da qualche parte conservi ancora la sua piccola Comet.

Negli anni ’80 approda a Caracas, Venezuela, dove si impone come apprezzato fotografo pubblicitario, richiesto anche in altri Paesi latinoamericani.

Insegna fotografia a vari livelli, dettando seminari presso Università e Istituzioni.

Per le sue campagne pubblicitarie e il suo impegno didattico ottiene numerosi premi e riconoscimenti: fra questi ama citare con malcelata soddisfazione il titolo di Maestro Onorario dell’Associazione Nazionale Fotografi: il più ambito in quanto viene assegnato dai professionisti ad un professionista. E sarà appunto la sua professionalità a fargli ottenere l’apprezzamento di clienti come Visa, McDonald’s, Bayer, Coca-Cola.

Dopo più di 30 anni da “emigrante” durante i quali costruisce e consolida la sua carriera rientra in Europa e poi in Italia, a Padova, dove oggi vive e lavora.

Il bambino con la Comet è cresciuto, e ha conservato la sua arte.

OPERE

PIERO LUCIANI

ALESSANDRA MASSACCESI

MONICA DI FOLCO

WALTER PONCHIA

FABIO TACCHI

VALENTINA DI SERIO

GUIDO SILEONI

MICHELE GALICE

VINCENZO QUONDAM V.

MAXIMILIANO S. CHIMURIS

PIETRO MATARESE

ENRICO INGLE

RUDY PESSINA

MANLIO MIDIO

PIRJO ERONEN

2016-12-12T18:49:12+00:00